Scacciadiavoli

La tenuta di Scacciadiavoli è il risultato del sogno del principe Ugo Boncompagni-Ludovisi di Roma. Fu fondata nel 1884, ideata come “stabilimento” del vino: Un complesso enologico imponente e molto moderno per l’epoca.
Nell'anno 1954 quando Amilcare Pambuffetti, all'età di 71 anni, acquisisce in proprietà la tenuta di Scacciadiavoli, quella tenuta dove da ragazzo, all’età di 14 anni, aveva lavorato come garzone.
Alla sua morte avvenuta nel 1977 i figli Alfio, Settimio e Mario continuano nelle attività intraprese dal padre. Nel 2000 I fratelli Pambuffetti (Francesco, Carlo e Amilcare), figli di Settimio, in nome di una antica tradizione, decidono di prendere in mano lo stabilimento più antico del territorio: La cantina Scacciadiavoli.
Al momento è presente la quarta generazione (Amilcare, Iacopo, Liù, Romeo e Fiammetta) sono i giovani che più di tutti impegnano il loro tempo e le loro energie a Scacciadiavoli.
La superficie aziendale è di 130 Ha di superficie di cui 35 ettari circa impiantati a vigneto. I vigneti occupano vari versanti della collina nei comuni Montefalco, Gualdo Cattaneo e Giano dell’Umbria e i vini prodotti sono quelli tipici della denominazione “Montefalco”.

In vendita su Vinitaly wine club