Hot dog: storia, ricette tradizionali americane e vino

Nonostante la parola sia di origine americana e questo prodotto sia forse uno dei simboli più conosciuti della cucina USA, la città di Francoforte, in Germania, rivendica l'invenzione dell'hot-dog.

STORIA DELL’HOT-DOG

È difficile raccontare la storia di quello che oggi conosciamo come Hot-Dog. Si tratta di una vicenda che cominciò tanti secoli fa in Germania, legata principalmente alle tecniche di conservazione e preparazione del cibo, in particolare della carne.
Quando si parla di salsicce, dobbiamo ammettere che i tedeschi sono dei veri maestri, anche se, a onor di cronaca, i cosiddetti “salsicciotti” sono sempre stati usanza di ogni popolo. Ma i tedeschi, si sa, conoscono meglio l’arte raffinata d'insaccare, tanto da sviluppare nel tempo salsicce sempre più sottili ed adatte alla cottura sia sulla griglia che in acqua. Sono quelle che i tedeschi ancora oggi chiamano “würstchen”: un composto di carne di maiale macinata, sale, erbe aromatiche e spezie. Ogni macellaio aveva la propria ricetta per attirare i favori della clientela. Ecco allora che al nome del würstchen seguiva sempre più spesso il nome di chi lo preparava. Una vera e propria moda.

DOVE NASCE L’HOT-DOG?

Nonostante la parola sia di origine americana e questo prodotto sia forse uno dei simboli più conosciuti della cucina USA, la città di Francoforte, in Germania, rivendica l'invenzione dell'hot-dog. Pare sia stato inventato proprio nella città tedesca nel 1847 da un macellaio originario di Coburg, di nome Johann Georg Hehner, il quale, nonostante l’iniziale insuccesso della sua ricetta in madrepartria, vi ritornò dopo aver riscosso fama e lode nella vicina Austria, promuovendo con successo il suo prodotto proprio a Francoforte.
Da Francoforte, l’hot dog è arrivato in America grazie agli immigrati tedeschi, che si trasferirono nell’allora “Terra Promessa” portando con sé le loro tradizioni culinarie, fra cui anche la loro salsiccia preferita, chiamata “dachshund” (in italiano: “cane bassotto”, per via della sua forma allungata). Per un anglofono non c’era niente di più difficile che pronunciare una tale parola, quindi sorse la necessità di associare un nome (ed un’immagine...) diversa alla salsiccia tedesca ormai esportata in America.

HOT DOG = “CANE CALDO”?

Come si arriva ad “hot-dog”, alla letterale traduzione di “cane caldo”? Vi sono varie ipotesi oltre alle “salsicce bassotto”. Si narra di vignette, a dir il vero mai trovate, con la caricatura di venditori di salsicce che si presentavano in strada insieme ad un cane al loro fianco, mentre strillano agli angoli delle strade: “Hot Dog!”. L’immagine non era certo divertente, né tanto meno piacevole... In più, coloro che desideravano addentare questa prelibatezza, avrebbero dovuto sporcarsi le mani, in quanto inzialmente l’hot-dog veniva servito senza pane. Fu una donna, pare, che decise di dare ai suoi clienti un hot-dog servito in un panino tagliato longitudinale, in cui si potevano aggiungere, così, anche altri ingredienti. Grazie alla fantasia degli ingredienti, le ricette del famoso hot dog si moltiplicarono fino ad arrivare ad oggi, ovvero all’imbarazzo della scelta!

HOT DOG: RICETTE TRADIZIONALI AMERICANE E ABBINAMENTO VINO

Dagli USA alla vostra tavola. Ecco alcune delle famose ricette tradizionali degli hot dog americani. A voi l’onore di prepararle, a noi il compito di proporvi un po’ di validi abbinamenti di vino... fidatevi, hot dog e vino, si può!

  • NEW YORK HOT DOG: crauti stufati e mostarda (sulla East Coast aggiungono anche cipolle dolci saltate)
    • Abbinamento vino: Sangiovese, Merlot, Tai rosso, vini rosati
  • KANSAS CITY HOT DOG: hot dog cotto sulla griglia rovente, con panino al sesamo, crauti e formaggio svizzero
    • Abbinamento vino: Chardonnay, Sauvignon, vini rosati, Nero d’Avola
  • ATLANTA HOT DOG: insalata di cavolo croccante e cremosa, un’abbondante spruzzata di senape
    • Abbinamento vino: Sangiovese, Tocai friulano, Inzolia, Albana
  • CHICAGO HOT DOG: tante verdure, come cipolle bianche, pomodori, cetrioli e peperoni verdi sott’aceto. L’hot dog è di manzo cotto alla griglia, con panino ai semi di papavero e tanta senape
    • Abbinamento vino: Cabernet Sauvignon, Lacrima di Morro d’Alba, Primitivo e vini rosati
  • SONORAM – ARIZONA HOT DOG: hot dog avvolto nel bacon, con fagioli borlotti (o neri), pomodori, cipolle grigliate, salsa di jalapeno, mostarda e maionese.
    • Abbinamento vino: Nero di Troia, Montepulciano d’Abruzzo, Sangiovese, Rosso Piceno
  • CONEY ISLAND HOT DOG: chili, cipolle bianche, cheddar grattugiato
    • Abbinamento vino: Primitivo, Chianti, Brunello di Montalcino

 

  • Scopri altre eccellenze italiane nella nostra Enoteca Online:

ACQUISTA SUBITO >

Vini consigliati

2 bicchieri
Vino quotidiano
WINNER
%
3.333335
  • 8,50 €
  • 6,80 €
2 bicchieri
WINNER
5 grappoli
WINNER
Vedi altri vini

Commenti