Cosa berremo nel 2018?

09-01-2018

Quali saranno le tendenze di vino protagoniste del 2018? Fare questo genere di previsioni è alquanto difficile, in quanto il vino è un prodotto in balia del gusto della gente, delle possibilità del portafoglio del consumatore e, se vogliamo, delle tendenze stesse. Un vino ignorato per anni può salire alla ribalta grazie ad un articolo su un giornale firmato da un esperto famoso, così come un vino da sempre gettonato e richiesto può improvvisamente passare inosservato, perché vittima di un’isteria collettiva che ora volge lo sguardo verso altre etichette. L’effetto moda, da sempre collegato alla tendenza, è facilmente influenzabile anche dal marchio aziendale esattamente come fosse un capo d'abbigliamento. Non dimentichiamo, inoltre, l’influenza delle guide che, per quanto si dica, alla fine rappresenta ancora una finestra esplorativa sul mondo del vino per il pubblico curioso.
Tuttavia, noi siamo tutti i giorni a contatto con il grande pubblico, i nostri esperti sono sempre in “trincea”, dialogando con le persone, partecipando a eventi e degustando ogni giorno. Grazie a tutto questo, possiamo intuire dove penderà il calice alla ricerca di un nuovo sorso di vino, quindi ecco le nostre previsioni sulle tendenze di vino nel 2018:

IL PARADOSSO DEI VINI ROSATI

Partiamo dal paradosso dei vini rosati, un trend partito l’anno scorso e che sembrava promettere bene per tutto il 2017. Lo definiamo "paradosso" perché il grande pubblico cerca e vuole provare vini rosati, mentre il mondo della ristorazione, in generale, afferma che questa tipologia non è facile da proporre alla propria clientela. Gli amanti del vino rosato, spesso si vedono nel corso delle fiere o durante gli eventi dedicati, sorseggiare e roteare un vino rosato nel calice. Si tratta della curiosità che precede un momento d’innesco di una moda presto visibile a tutti? Non siamo in grado di dirlo con certezza, per ora questo trend, leggermente in crescita dal 2017, rimane stabile e possiamo solo augurarci che possa crescere davvero e che il mondo della ristorazione, che in questi frangenti copre un ruolo importante da un punto di vista culturale, possa proporlo con più facilità.

SANGIOVESE, IL VITIGNO SIMBOLO DEL 2018

Tra i vitigni più gettonati del 2017 il Sangiovese. Questo vitigno è il simbolo di tutta l’Italia enoica. Molti associano il Sangiovese solo alla Romagna o alla regione Toscana ma in realtà il “Sangue di Giove”, come gli antichi lo chiamavano, è un vitigno coltivato in tutta Italia e rientra in numerose denominazioni di origine. Il trend è ora quello di berlo in purezza. La finezza tannica del Sangiovese, l’impalpabile olfatto pur così intenso e contrastante e ricco di sfumature continua a conquistare nuovi appassionati e prevediamo che il 2018 sarà un’altra conferma verso questo vino. Possiamo solo augurarcelo, visto che è un vanto nazionale invidiato anche all’estero.

VINI NATURALI: BIO E BIODINAMICI IN ASCESA

Per terminare le tendenze dell’anno, cominciato così lentamente per via delle fatiche della tavola di queste feste, scopriamo la carta dei vini naturali. Lo avevamo previsto anni fa, quando ancora di questa tipologia poco si sapeva e oggi possiamo riconfermare la visione passata sui vini naturali, BIO e biodinamici. A dir il vero non possiamo nemmeno parlare di trend, oggi il mondo del naturale e del BIO è un vero è proprio stile di vita, che ha invaso positivamente le nostre cantine di casa. Sempre più fiere e manifestazioni mirate in tutta Italia.

Ricordiamo, in ogni caso, che a decidere i trend o le mode siete voi e il vostro gusto personale. Questo è quello che conta davvero e se possiamo suggerire un buon proposito per quest’anno che verrà, è di bere con attenzione: meglio bere meno ma di qualità, non smetteremo mai di ripeterlo. Augurandovi un meraviglioso 2018 ricco di raffinati brindisi.

4.714285

Vini consigliati

Commenti