Villa Russiz

Quella dell'azienda agricola Villa Russiz è una storia di grandi intuizioni e di generosità, di passione, impegno, sentimento e tradizione. La grande intuizione è quella del conte francese Theodor Karl Leopold Anton De La Tour Voivrè, esperto perito agrario e viticoltore, che nel 1869 vide proprio nelle soleggiate colline di Russiz e del Collio Goriziano, non solo il luogo ideale per vivere assieme alla moglie austriaca Elvine Ritter de Zàhony, ma anche per coltivare la sua passione per la vite e per le moderne tecniche enologiche che, proprio in Francia, avevano già all'epoca grande sviluppo. Theodor De La Tour colse per primo l'essenza che ha fatto grandi nel mondo i vini del Collio: quello straordinario microclima in grado di offrire i massimi benefici nell'incontro fra i venti freschi delle Alpi Giulie e le brezze marine del vicino Adriatico, entrambi addolciti nelle colline perfettamente esposte di Capriva del Friuli.

Durante la Grande Guerra, Villa Russiz viene trasformata in lazzaretto e ospedale militare nel primo retrovia del fronte italiano. Negli anni '60, grazie alla guida dell'agrotecnico Edino Menotti, in Villa Russiz inizia una paziente opera di ristrutturazione sia dei vigneti sia delle cantine, con la collaborazione solidale di tutta la comunità di Capriva del Friuli. Con il figlio Gianni Menotti a capo dell'azienda, Villa Russiz cambia approccio alla viticoltura, ridando dignità a vitigni meno prestigiosi e crendo la linea Cru dedicata a Theodor De la Tour.

Da Theodor De La Tour ad oggi, il focus alla base della produzione vini di Villa Russiz resta puntato sulle nuove varietà più adatte al territorio e la qualità ai massimi livelli, una meravigliosa cantina a grandi volte completamente interrata, una passione e un impegno costante per la cura dei dettagli dai filari, alla cantina, alla bottiglia. La meticolosa passione per la viticoltura è oggi più che mai viva a Villa Russiz, nei 100 ettari che compongono l'azienda agricola, di cui 50 destinati a vigneto, con particolare attenzione nel mantenere il numero di ceppi per ettaro fra i 4.500 e i 7.000, garantendo quindi uve di grande concentrazione. I vini della Fondazione Villa Russiz fanno tutti parte della denominazione d'origine controllata del Collio, così come i cru, Sauvignon de La Tour, Gräfin de La Tour, Graf de La Tour e Defi de La Tour, punte di diamante di una produzione che dalla tradizione dell’esperienza ha saputo cogliere gli spunti per la moderna ricerca della massima qualità, per un coerente percorso di sviluppo e per grandi vini di livello internazionale.