Rivera

La famiglia De Corato ha forti radici nella terra di Puglia. Qui, nell'omonima tenuta di famiglia in agro di Andria, Sebastiano fondò alla fine degli anni '40 l'azienda vinicola Rivera con il preciso intento di valorizzare e diffondere nel mondo l'enorme potenziale qualitativo della vitivinicoltura della zona circostante il Castel del Monte. Il successo non si fece attendere e la Rivera divenne ben presto il principale punto di riferimento dell'enologia pugliese e l'autentico motore della sua rinascita, grazie anche alle innovazioni apportate in vigna e cantina dal figlio Carlo. Con l'ingresso in azienda di Sebastiano prima e poi di Marco, figli di Carlo e nipoti del fondatore, la Rivera prosegue con orgoglio e rinnovato impegno nella produzione di vini che esprimono il carattere intenso ed elegante di questo territorio e dei suoi vitigni.
Negli 75 ettari di vigneti di proprietà, localizzati in parte su terreni calcareo-tufacei a 160-180 metri s.l.m e in parte sui terreni rocciosi della Murgia a 320-350 metri s.l.m., sono coltivate varietà autoctone quali il Bombino Nero, il Nero di Troia, il Montepulciano e l'Aglianico, ma anche varietà internazionali come lo Chardonnay e il Sauvignon, fornendo così la base per una produzione saldamente radicata nel territorio, ma al tempo stesso attenta alle evoluzioni del gusto dei mercati.
Il vino più rappresentativo della Rivera è certamente Il Falcone, prodotto dal 1050 con il classico uvaggio di Nero di Troia con una piccola quota di Montepulciano e che esprime tutto il potenziale di eleganza e struttura del vitigno Nero di Troia e del suo territorio.