Puglia: vini pugliesi in abbinamento a ricette pugliesi

Il territorio pugliese, inoltre, è custode di ottimi vini bianchi, rossi e rosati, ottenuti da uve autoctone che potete trovare solo in questa parte d’Italia ed invidiati anche dall’enologia internazionale. Prendiamo spunto da questa regione italiana per ricordare alcuni specialità tipiche, abbinandole al meglio ai gustosissimi vini locali pugliesi.

Continuiamo il nostro viaggio tra le specialità regionali della nostra bellissima Italia. Una delle regioni che esercita maggior fascino quando si pensa al cibo, al vino e alle specialità regionali è la Puglia. Formaggi e salumi meravigliosi, primi piatti saporitissimi e secondi di carne e di pesce unici. La regione Puglia si affaccia sul mare ed è facile immaginare che la maggior parte dei piatti e delle ricette abbiano come protagonista il pescato. Molti dimenticano, però, che la Puglia ha un entroterra ricchissimo, dove la produzione di formaggi e salumi fa eco alla cacciagione e, di conseguenza, a preparazioni culinarie dove il pesce nulla c’entra.
Il territorio pugliese, inoltre, è custode di ottimi vini bianchi, rossi e rosati, ottenuti da uve autoctone che potete trovare solo in questa parte d’Italia ed invidiati anche dall’enologia internazionale.
Prendiamo spunto da questa regione italiana per ricordare alcuni specialità tipiche, abbinandole al meglio ai gustosissimi vini locali pugliesi.

PUGLIA: COSA SI MANGIA E COSA SI BEVE?

In Puglia la varietà dei prodotti del territorio è tale che è possibile preparare un intero pasto a base solo di antipasti. Vediamone, quindi, qualcuno.

ANTIPASTI, SFIZI PUGLIESI & VINO

Molti di voi conosceranno sicuramente le friselle pugliesi, una specie di taralli croccanti della grandezza di qualche centimetro guarnite con pomodoro aglio e basilico. In questo caso sfruttiamo la produzione vastissima dei vini rosati. Scegliete vini a base Negroamaro, vitigno che rappresenta la base dei migliori vini rosati del Salento.
Non dimentichiamo la celeberrima burrata, simile a una mozzarella e ottenuta da latte vaccino, la potete bere abbinata a del pane caldo e vino bianco da uve Verdeca.
Infine i peperoncini ripieni piccanti. Di solito il ripieno è a base di tonno. Si tratta di un antipasto gustosissimo, un po’ piccante, che è meglio mangiare sempre accompagnato con dell’ottimo pane pugliese e un calice di vino rosato, meglio se ottenuto da uve Primitivo per via dei profumi speziati e intensi e un palato più strutturato e morbido. 

PRIMI, SECONDI PIATTI PUGLIESI & VINO

Non solo antipasti, naturalmente, ma anche primi strepitosi, come le orecchiette alle cime di rapa. Un classico della tavola pugliese, che è bene abbinare a un vino a base di Malvasia bianca, visto che nella ricetta originale ci sono le acciughe.
Sempre a proposito di primi non dimenticate di assaggiare la pasta ai ricci di mare. come ad esempio le linguine, accompagnate da un buon Bianco d’Alessano. Interessante anche la tiella barese, piatto a base di riso, patate e cozze, cipolla e pomodoro. In questo caso un Bianco di Locorotondo a base Fiano, Verdeca e altre uve della zona, potrebbe essere di buona compagnia per questo piatto. Scendendo giù verso il Salento, si porta in tavola Ciceri e tria, un primo piatto tipico del Salento, antico, le cui origini risalgono, secondo alcuni, addirittura al 35 a.C.. La preparazione forse è un po’ laboriosa, ma la soddisfazione è garantita. La pasta è da preparare fresca al momento, in quanto una parte va fritta e aggiunta al piatto finale insieme ai ceci. Qui l’abbinamento consigliato è vario, da freschi vini bianchi agli ottimi rosati salentini. Ci è piaciuta in particolar modo con un vino a base Fiano e con una Malvasia secca del Salento.  

Se siete amanti del pescato, da assaggiare sono le cozze alla tarantina, di solito piccanti o le cozze ripiene con pecorino, uovo e spezie cui è meglio abbinare un rosato ottenuto da uve Aglianico, che in Puglia regala vini profumati di viola, ciliegia e frutta del sottobosco. Usate lo stesso vino per le due specialità.
Per le crudità di pesce in Puglia non mancano meravigliosi spumanti Metodo Classico soprattutto nella zona del foggiano. Tra le uve più usate per la produzione spumantistica è il Bombino bianco. Ci piace divulgare questa informazione perché di solito è facile associare la Puglia al vino rosso di corpo dimenticando che questa regione ha un’estensione e un passato enoico così importante che la varietà enologica è vastissima.
Tornando ai piatti a base di pescato della tradizione pugliese abbiamo la scapece di Gallipoli, un piatto di pesciolini fritti allo zafferano, esaltato al meglio con un vino a base di Fiano, Bombino bianco e Malvasia. Con le alici arraganate usate un Negroamaro rosato in versione spumante, mentre per il polpo in umido preferite un Fiano del Salento.

Passiamo ora alla carne. Oramai tutti conosceranno le bombette pugliesi, piatto della tradizione proposto anche in molte sagre del centro-nord: degli involtini di carne sottilissima ripieni di formaggio. Una specialità diffusa che suggeriamo di abbinare a un vino a base Negroamaro.
Li chiamano “nghiemeridde” o “turcinel” sono involtini di trippa con all’interno parti delle interiora dell’animale, conditi con spezie e aromi. Una specialità molto “originale”, da abbinare ad un vino a base Nero di Troia è fondamentale. La callaredda di agnello è un altro piatto tipico tradizionale della regione, profumato e saporito: una sorta di zuppa/spezzatino di agnello e verdure di campo. In questo caso vi servirà un vino a base Primitivo.
Con l’asino stufato in terracotta, invece, meglio un Salice Salentino rosso riserva.
Se vi trovate davanti alle famose salsicce a punta di coltello vuol dire che siete in zona Foggia. Queste salsicce sono condite con peperoncino e semi di finocchietto selvatico. Forse non tutti sanno che la “Salsiccia a punta di coltello dell’Alta Murgia” è un prodotto tutelato con decreto ministeriale, perché considerato prodotto tradizionale italiano. Non potete fare altro che gustarle con un Primitivo o con un rosso a base Negroamaro e Malvasia nera. Altro piatto della specialità spesso preparato in Puglia sono gli involtini di carne di cavallo con formaggio e cotti nel sugo di pomodoro. Un piatto da abbinare a vini a base Sangiovese pugliese o Susumaniello.

DOLCI PUGLIESI & VINO

Un trionfo di bontà i dolci in Puglia. Alla faccia della dieta, ci sembra giusto. Gustate un bel pasticciotto leccese (un pasticcino di pasta frolla ripieno di crema pasticcera) oppure, per i più golosi, le pettole dolci, palline di pasta lievitata e fritta nell’olio. Ottimi anche i biscotti alle mandorle, il tutto da gustare con ottimi Moscato del Salento o del Fiano Minutolo vendemmia tardiva.

Vini consigliati

1 bicchiere
WINNER
2017
4.5
  • 9,50 €
2 bicchieri
WINNER
2 bicchieri
WINNER
Vedi altri vini

Commenti